Specie di coccodrillo? Non più tre, bensì sette

CoccodrilloI coccodrilli africani sono sicuramente le tre specie più conosciute a livello mondiale, ma grazie agli studi condotti dall’Università della Florida è stato possibile dimostrare che ne esistono addirittura sette

Se inizialmente si pensava che esistessero solamente poche specie di coccodrilli africani, ora possiamo affermare che ne esistono molte di più. Tale affermazione importante, sia dal punto di vista politico che ambientale, è stata divulgata da un documento pubblico rilasciato online. Nel corso degli ultimi anni, i coccodrilli non sono rimasti fissi in un’unica dimora, ma si sono dispersi partendo dall’Africa Occidentale fino ad arrivare a quella centrale. Le caratteristiche fisiche di questi animali sono piuttosto simili e in molti fanno ancora fatica a distinguere un coccodrillo da un alligatore; per questo motivo sono state condotte delle analisi sul cranio di queste specie. I coccodrilli africani rappresentano le specie più pericolose del mondo, soprattutto per quanto riguarda i pesci, poiché è di essi che di nutrono principalmente.

Il coccodrillo occidentale era arrivato al punto da rischiare l’estinzione, ma grazie alla sua protezione è riuscito a sopravvivere, considerato il fatto che a volte si cercava di catturare questi animali per nutrirsi di loro. È stato dimostrato che, nel caso in cui si dovesse decidere di eliminare tutti i coccodrilli dall’ecosistema, esso subirebbe un brusco cambiamento per quanto riguarda la pesca del futuro. Tutte le informazioni che stanno giungendo da studi universitari saranno molto importanti a livello zoologico che marino, considerato il fatto che non è poi così semplice individuare con esattezza la differenza tra le diverse specie. Inoltre, pare sia inutile cercare di allevare e quindi crescere un coccodrillo in cattività, poiché non potrebbe riprodursi e sarebbe difficile poterlo studiare nel suo ambiente naturale. Le ricerche condotte dagli esperti mirano alla conoscenza e analisi completa di tutte le diverse specie esistenti, ma preferiscono farlo direttamente nel loro habitat naturale.

Schede Approfondimenti