Categoria: Mammiferi

Sono circa 5400 le specie di mammiferi attualmente esistenti. SI tratta di una classe estremamente eterogenea che annovera sia animali piccolissimi come il mustiolo, che pesa appena due grammi, sia giganti come la balenottera azzurra che di tonnellate nel pesa 150. Alla classe dei mammiferi appartiene anche l’essere umano. Nonostante le enormi differenze esistenti tra una specie e l’altra, i mammiferi hanno tutti alcune caratteristiche comuni tra cui l’omeotermia, la viviparità, le cure parentali e l’allattamento della prole. La maggior parte dei mammiferi ha quattro zampe ad eccezione dei cetacei e dei sirenidi che hanno trasformato gli arti inferiori in pinne. Il corpo è ricoperto da una pelle sottile e costellata di ghiandole sebacee e sudoripare. Quasi tutti sono coperti di peli. Altra caratteristica distintiva dei mammiferi è la dentatura divisa in quattro tipi diversi: gli incisivi che servono per mordere e tagliare, i canini che servono per afferrare e perforare, i premolari e i molari necessari per la masticazione del cibo.

Habitat:
I mammiferi hanno colonizzato qualsiasi tipo di habitat presente al mondo adattandosi a ogni tipo di clima e di condizioni, dalle calotte polari ai deserti più aridi. I pinnipedi, i sirenidi e i cetacei hanno colonizzato con successo gli habitat marini, mentre i Chirotteri hanno sviluppato le ali e quindi sono in grado di volare.

Distribuzione:
A seconda della specie la distribuzione è più o meno ampia. In generale i mammiferi si trovano in tutti i continenti. Esistono alcune specie che ad esempio sono limitati alle aree dell’Australi e della Nuova Guinea, i marsupiali che vivono solo in Oceania.

Riproduzione:
I mammiferi sono vivipari, il che significa che l’embrione si forma e si sviluppa nel ventre materno fino a quando non è completamente formato e pronto per essere partorito. Le femmine dei mammiferi accudiscono la prole fino a quando i cuccioli non sono abbastanza grandi da potersela cavare da soli. Nelle prime settimane di vita i piccoli vengono allattati dalla madre. In genere le femmine allattano solo i propri cuccioli scacciando via gli altri cuccioli in cerca di cibo. Uniche eccezioni sono i leoni e l’uomo. I mammiferi sono poligami e promiscui con il maschio che tende ad accoppiarsi con il maggior numero di femmine possibile nel periodo degli amori. I maschi di alcune specie si costruiscono anche un harem. I maschi spesso combattono tra di loro per guadagnarsi il diritto ad accoppiarsi. Esistono veri e propri rituali e cerimoniali di sfida, di lotta e di corteggiamento che sono riprodotti quando arriva il periodo della riproduzione. Nei mammiferi il dimorfismo sessuale è molto accentuato con gli esemplari maschi che solitamente sono più grandi delle femmine e con particolari spesso di carattere sessuale.

Sono circa 5400 le specie di mammiferi attualmente esistenti. SI tratta di una classe estremamente eterogenea che annovera sia animali piccolissimi come il mustiolo, che pesa appena due grammi, sia giganti come la balenottera azzurra che di tonnellate nel pesa 150. Alla classe dei mammiferi appartiene anche l’essere umano. Nonostante le enormi differenze esistenti tra una specie e l’altra, i mammiferi hanno tutti alcune caratteristiche comuni tra cui l’omeotermia, la viviparità, le cure parentali e l’allattamento della prole. La maggior parte dei mammiferi ha quattro zampe ad eccezione dei cetacei e dei sirenidi che hanno trasformato gli arti inferiori in pinne. Il corpo è ricoperto da una pelle sottile e costellata di ghiandole sebacee e sudoripare. Quasi tutti sono coperti di peli. Altra caratteristica distintiva dei mammiferi è la dentatura divisa in quattro tipi diversi: gli incisivi che servono per mordere e tagliare, i canini che servono per afferrare e perforare, i premolari e i molari necessari per la masticazione del cibo.

Habitat:
I mammiferi hanno colonizzato qualsiasi tipo di habitat presente al mondo adattandosi a ogni tipo di clima e di condizioni, dalle calotte polari ai deserti più aridi. I pinnipedi, i sirenidi e i cetacei hanno colonizzato con successo gli habitat marini, mentre i Chirotteri hanno sviluppato le ali e quindi sono in grado di volare.

Distribuzione:
A seconda della specie la distribuzione è più o meno ampia. In generale i mammiferi si trovano in tutti i continenti. Esistono alcune specie che ad esempio sono limitati alle aree dell’Australi e della Nuova Guinea, i marsupiali che vivono solo in Oceania.

Riproduzione:
I mammiferi sono vivipari, il che significa che l’embrione si forma e si sviluppa nel ventre materno fino a quando non è completamente formato e pronto per essere partorito. Le femmine dei mammiferi accudiscono la prole fino a quando i cuccioli non sono abbastanza grandi da potersela cavare da soli. Nelle prime settimane di vita i piccoli vengono allattati dalla madre. In genere le femmine allattano solo i propri cuccioli scacciando via gli altri cuccioli in cerca di cibo. Uniche eccezioni sono i leoni e l’uomo. I mammiferi sono poligami e promiscui con il maschio che tende ad accoppiarsi con il maggior numero di femmine possibile nel periodo degli amori. I maschi di alcune specie si costruiscono anche un harem. I maschi spesso combattono tra di loro per guadagnarsi il diritto ad accoppiarsi. Esistono veri e propri rituali e cerimoniali di sfida, di lotta e di corteggiamento che sono riprodotti quando arriva il periodo della riproduzione. Nei mammiferi il dimorfismo sessuale è molto accentuato con gli esemplari maschi che solitamente sono più grandi delle femmine e con particolari spesso di carattere sessuale.



Bonobo

Il Bonobo è un fantastico mammifero appartenente all’ordine dei primati e integrato nella famiglia dell’Hominoidea. Dalla maggior parte delle persone è conosciuto come lo scimpanzè pigmeo o scimpanzè nano. Si tratta di una specie ben distinta e secondo alcuni studi del settore è stato confermato che la classificazione tassonomica è perfetta. Il nome scientifico...
Leggi l'articolo

Alpaca

Portato al limite dell’estinzione dopo la scoperta dell’America oggi rappresenta uno degli animali più interessanti per la produzione di lana</> L’alpaca è una specie originaria del Sudamerica, da sempre allevata per la produzione della lana, insieme al lama rappresentano gli unici camelidi presenti nel continente. Come tutti i camelidi non necessita di molta acqua...
Leggi l'articolo

Cercocebo

Con il termine Cercocebo si identificano le scimmie del vecchio mondo che fanno parte della famiglia di Cercopithecidae. Stiamo parlando di animali caratterizzati da palpebre superiore piuttosto glabre con una colorazione più chiara rispetto a quella del muso. Il cercocebo si differenzia dai cercopitechi perché di sicuro si assomigliano ma sono molto più grandi...
Leggi l'articolo

Lissodelfino Australe

Il Lissodelfino australe è un cetaceo che vive nelle acque temperate del Sud America e delle coste meridionali dell’Australia. A differenza di tutti gli altri delfini il Lissodelfino è l’unico dell’emisfero australe ad essere privo di pinna dorsale; proprio per questa caratteristica in lontananza può essere facilmente confuso con la sagoma di un pinguino. Come gli altri...
Leggi l'articolo

Lagenorinco dai denti obliqui

Probabilmente non avete mai sentito parlare del Lagenorinco dai denti obliqui, si tratta di una particolare specie di delfino sempre attiva nelle acque fredde temperate dell’Oceano Pacifico del Nord. L’animale è presente nell’Oceano dal 1865, data ufficiale del primo avvistamento da parte di Theodore Gill, si presenta a livello morfologico come il lagenorinco scuro....
Leggi l'articolo

Rinoceronte bianco

Il Rinoceronte bianco è un mammifero perissodattilo, facente parte della famiglia dei Rinocerontidi, famoso per essere l’animale più grande della sua specie e il secondo più grande animale terrestre, dopo gli elefanti. Il Rinoceronte bianco è lungo circa 370 cm, alto 200 cm, con un peso di circa 2900 Kg, possiede un corno molto...
Leggi l'articolo

Serval

Il Serval o gattopardo africano è un felino facente parte della famiglia dei Felidae. Questo animale di medie dimensioni, strettamente imparentato con il cugino Caracal, è presente in gran parte dell’Africa, arrivando addirittura fino alle zone nord del deserto del Sahara. Il Serval è lungo circa 85 cm, possiede un corpo molto slanciato e...
Leggi l'articolo

Lupo grigio

Il Lupo Grigio è un mammifero popolare nell’Europa Orientale, nella Scandinavia e negli Appennini. In Italia vivono alcuni branchi che da anni frequentano i territori della zona appenninica italiana. La morfologia del lupo è molto simile a quella di un Pastore Tedesco, le zampe sono più lunghe perché l’altezza massima varia dai 60 agli...
Leggi l'articolo

Narvalo

Il Narvalo è un cetaceo facente parte della famiglia dei Monodontidi, è molto conosciuta per via del suo singolare dente il quale è molto lungo ed è simile ad una vite, con avvolgimento da destra verso sinistra, il quale ha dato origine al mito del cosiddetto "unicorno".  Oltre a questo strano dente, in bocca...
Leggi l'articolo

Foca leopardo

La foca Leopardo è una specie appartenente alla famiglia delle Phocidae, un animale unico nel suo genere e considerata la seconda foca più grande di tutta l’Antartide. Al primo posto di grandezza troviamo solo l’Elefante marino del sud, vista la sua grandezza la foca leopardo ha il vantaggio di avere una sola specie di...
Leggi l'articolo