Barchetta di san pietro

Classe: hydrozoa | Ordine: chondrophora | Famiglia: porpitidae | Specie: velella velella

Barchetta di san pietro

La Velella velella, chiamata anche comunemente la Barchetta di San Pietro, è una specie planctonica appartenente alla famiglia dei Porpitidae. Questo esemplare dalla forma ovale di colore blu, possiede un diametro di circa 7 cm, subito sopra è possibile avvistare una cresta verticale di colore trasparente (con la luce del sole si possono vedere bellissime sfumature blu e verdi), dalla tipica forma di una vela di un motoscafo, da qui il nome velella. Al di sotto del corpo sono presenti diversi zoidi che svolgono diverse funzioni, ci sono i gastrozoidi che si occupano del lato nutrizionale, i dattilozoidi che servono per la difesa e i gonozoidi per quanto riguarda la riproduzione.

Grazie alla sua vela, questo organismo può muoversi sulla superficie dell’acqua, sfruttando la spinta del vento. Rimane sempre a riva o a massimo 2 cm di profondità nell’acqua dei mari e degli oceani, preferendo le acque calde e temperate. Come tutti gli altri cnidari, anche la Velella velella è una specie carnivora, cattura le sue prede, preferendo di gran lunga il plancton, attraverso i suoi tentacoli che rilasciano delle tossine letali per le prede. Fortunatamente questa sostanza non è dannosa per l’uomo, infatti, questo esemplare non è pericoloso se va a contatto dell’essere umano. Tuttavia è raccomandato di lavarsi abbondantemente le mani e non strofinarsi gli occhi per un po’, se si dovesse sfiorare o catturare questo animale.

La presenza della Velella velella è indice di acque pulite, infatti, negli ultimi anni, per via anche dei numerosi controlli per evitare gli scarichi abusivi di sostanze nocive nei mari, la colonia di questa specie è aumentata notevolmente.  Oltre a questo, la sua presenza aumenta la presenza dei pesci, molto spesso infatti, i pescatori la utilizzano come esca. C’è anche l’altro lato della medaglia però, la massiccia proliferazione di questo essere, ha provocato una negativa influenza sull’ecosistema marino, in quanto la sua dieta, composta prevalentemente da plancton e uova di pesce, sta facendo diminuire la presenza degli altri invertebrati nei mari (gravi problemi anche per la pesca). La Barchetta di San Pietro si sta diffondendo rapidamente negli ultimi anni, è stata avvistata nel Mar Mediterraneo Occidentale, nella costa di Grosseto, sull’isola di Pantelleria, sulle coste della Sardegna, sulle spiagge di Bosa, a Capo Circeo e molti altri posti.

Schede Invertebrati