Chiocciola

Classe: gastropoda | Ordine: stylommatophora | Famiglia: varie | Specie: varie

La chiocciola è l’invertebrato più amato e diffuso, noto in tutta Italia, Europa ed in tutto il mondo.

Sebbene registri dei picchi di diffusione, e in alcune regioni del mondo la sua presenza sia più significativa, la chiocciola è uno dei pochi animali equamente distribuiti, tranne nelle condizioni più rigide, specialmente per quanto riguarda le basse temperature.

La chiocciola è famosa per alcune sue caratteristiche fondamentali che comunque vengono spesso ignorate. Per esempio, la sua lentezza: è uno degli animali più lenti del mondo, allo stesso livello del lentissimo bradipo.

Questo gasteropode invertebrato è un animale molto timido ma allo stesso combattivo, perché con i suoi conspecifici sa essere molto coraggioso e intraprendente, però con le persone è molto più timido e corre immediatamente ai ripari.

Se toccato o apparentemente minacciato, si chiude nel guscio; è tipico divertimento dei bambini quello di toccare le antenne che immediatamente rientrano nel corpo molle della chiocciola. Le più timide rientrano tutte quante nella cosiddetta casetta, ossia il guscio.

Riproduzione

Fra  le chiocciole non esiste la distinzione fra maschi e femmine, in quanto sono degli animali ermafroditi; ogni esemplare è dotato sia di organi riproduttivi maschili che femminili, la riproduzione quindi può avvenire col semplice incontro di due individui qualsiasi. Dopo l’accoppiamento le chiocciole scavano nella terra e depongono le uova al suo interno. Le piccole chiocciole restano sepolte per un po’ di tempo, ed in seguito riemergono; le uova sono sempre davvero molto numerose, ma non sempre si schiude tutto quello che c’è.

Habitat:

Le chiocciole prediligono gli ambienti umidi e piovosi: pur preferendo le temperature miti, se ci sarà un caldo secco con un sole rovente molto probabilmente resteranno nel loro guscio e al riparo. Durante o dopo le grandi piogge, anche se molti credono che le chiocciole non vogliano uscire per via del rischio di affogare, queste ultime preferiranno essere all’aria aperta proprio durante i momenti di pioggia, anche torrenziale, piuttosto che nei momenti di eccessivo caldo o freddo.

 

Dai social: le foto dei fotografi naturalisti

A snail running ... by Udrea Dan on 500px.com

 

Investigation by Villy Dimova on 500px.com

 

Schede Insetti