Balena artica

Classe: mammalia | Ordine: cetacea | Famiglia: balaenidae | Specie: balaena mysticetus

Balena artica

La Balena artica o comunemente conosciuta con il nome Balena della Groenlandia, appartiene alla famiglia delle balene franche: I Balenidi. Un mammifero grandissimo e piuttosto robusto che si presenta con un colore scuro senza alcuna pinna dorsale. La lunghezza massima che può essere raggiunta dalla Balena artica è di 20 metri mentre il peso si aggira intorno alle 152 tonnellate.

L’animale ha un primato in grandezza ed è seconda solo alla balenottera azzurra. Il suo habitat naturale è quello artico e diversamente dalle altre “cugine” non migra e staziona sempre nello stesso luogo per tutta la sua vita. Ha un corpo robusto, la mascella inferiore è visibilmente incurvata rispetto a quella superiori e i fanoni hanno una lunghezza di oltre tre metri, utilizzati per intrappolare le piccole prede.

Le ossa del cranio di questa balena sono fortissime e riescono a frantumare il ghiaccio per respirare.

L’industria baleniera uccide ogni giorno tantissimi esemplari e per questo motivo la popolazione mondiale è diminuita, si contano solo 11.700 esemplari di questa specie rispetto ai 50.000 presenti molti anni fa. La Balena artica è stata diverse volte protagonista di studi scientifici, che hanno permesso di classificarla come specie monotipica diversa dalle altre nonostante le prove siano poche per avere una conferma efficace.

In tempi passati la zona dell’Europa e del Nord America era l’habitat naturale di questi animali, hanno vissuto nel Miocene al Pleistocene e le testimonianze sono i resti fossi trovati nelle zone appena menzionate. La Balena Prisca che fa parte dei vari fossili trovati, pare sia la stessa specie viva ai giorni nostri.

I gruppi di Balena artica possono essere avvistati nelle acqua artiche dell’Alaska o nel Mare di Bering, seguono sempre lo scioglimento dei ghiacci e possono arrivare anche nel Mare dei Chukchi e in quello di Beaufort.

Schede Mammiferi