Cincilla

Classe: mammalia | Ordine: rodentia | Famiglia: chinchillidae | Specie: chinchilla

Cincilla

Generalità e morfologia:
Un tempo allevato e cacciato per la sua pelliccia, oggi il Cincillà è considerato principalmente un animale da compagnia. Originario del sud America e più precisamente della zona delle Ande, il cincillà appartiene alla famiglia dei roditori e assomiglia ad un grosso scoiattolo. Il suo peso oscilla tra i 300 e gli 800 grammi. Ha un pelo molto sottile e morbido che lo aiuta a mantenere costante la temperatura corporea. Gli occhi sono tondi, rossi o neri. E’ caratterizzato da orecchie grandi e pronunciate. Il colore standard è il grigio, tutti gli altri sono stati ottenuti incrociando le varie razze. Si tratta di un animale generalmente molto docile e mansueto che difficilmente diventa aggressivo nei confronti dell’uomo. Si tratta comunque di un animale estremamente delicato e di conseguenza anche l’alimentazione deve essere tenuta sotto controllo. Mangia principalmente fieno, frutta e verdure, ma in piccole quantità. E’ molto ghiotto di uvetta e frutta secca.

Habitat:
I cincillà non amano i climi freddi nonostante siano originari delle Ande. In natura vivono in branchi di più di 100 esemplari e prediligono le rocce e le grotte che rivestono con paglia per mantenere il caldo. Tendono a scaldarsi stando tutti vicini. Si trovano anche a 5000 metri di altitudine. In cattività, le gabbie che lo ospitano devono essere abbastanza grandi e il pavimento deve essere rivestito di paglia. Ideali sono le gabbie a più piani dove il cincillà può crearsi la propria tana al piano superiore.

Distribuzione:
Questo roditore è originario dell’America Latina, dove si può trovare in Perù, Bolivia, Argentina e naturalmente Cile.

Riproduzione:
A differenza degli altri roditori, il cincillà non è molto prolifico. Si riproduce una sola volta all’anno e la femmina partorisce solo uno o due cuccioli a parto. Le femmine hanno tre coppie di mammelle, ma, solo quella inguinale è ben sviluppata. I maschi della specie raggiungono la maturità sessuale intorno al settimo mese di vita, mentre la femmina è più precoce e può accoppiarsi già al quinto mese. La gestazione dura circa 3 mesi e mezzo.

Schede Mammiferi