Gazzella dama

Classe: mammalia | Ordine: artiodactyla | Famiglia: bovidae | Specie: nanger dama

Gazzella dama

La Gazzella dama è un grosso mammifero facente parte della famiglia dei Bovidae, famosa soprattutto per essere il simbolo nazionale della Nigeria, dove viene chiamata Menas. Viene anche rappresentata come lo stemma della squadra calcistica della nazionale Nigeriana, dove i giocatori vengono appunto chiamati  “I Menas”. Il perché del nome Gazzella dama, non è ancora chiaro, in quanto c’è attualmente un dibattito ancora aperto, poichè una parte di ricercatori pensa sia dovuto alla desinenza latina ‘dama’, cioè daino, altri pensano invece derivi dall’arabo ‘dammar’, cioè pecora. Questo esemplare è la gazzella più grande della sua specie, infatti, può raggiungere una lunghezza massima di circa 165 cm, un peso di 75 Kg e un’altezza massima di 120 cm.

Nonostante queste grosse dimensioni, possiede un tronco corto e zampe e collo molto lunghe, le corna possono arrivare ad una lunghezza massima di circa 43 cm e sono molto sottili, robuste e rivolte all’indietro. Ha un pelo molto corto e folto, di colore bianco e rosso, distribuito in modo uniforme, infatti, faccia, guance, fronte, groppa, natiche e fianchi sono di colore bianco, mentre il resto è di colore rossiccio-marroncino. La Gazzella dama era un esemplare molto diffuso in quasi tutta l’Africa, ma a causa del pesante bracconaggio, è diventato un esemplare molto raro e a rischio estinzione. Attualmente è presente solo nel Nord dell’Africa; il suo habitat naturale è formato da aree aride e aperte, prediligendo soprattutto praterie, deserti e zone semidesertiche. Questa gazzella vive solo in gruppo, ma l’entità di quest’ultimo varia a seconda delle stagioni, infatti, durante la stagione delle piogge formano gruppi molto grandi (oltre le cento unità per gruppo), mentre nella stagione secca, il gruppo si rimpicciolisce (circa 20 animali per gruppo).

Questi gruppi possono essere misti, in quanto è possibile avvistare branchi di sole femmine e dei loro piccoli, o quelli formati da un maschio, femmine e dei loro piccoli o quelli formati dai soli maschi (chiamati degli scapoli). Durante la stagione degli amori, il maschio decide la sua area territoriale e scaccia tutti gli altri maschi dalla sua “zona”. L’accoppiamento avviene tra agosto e ottobre, dopo sei mesi di gestazione, la femmina darà alla luce un solo piccolo, il quale verrà svezzato e accudito per circa 4 mesi. Come tutte le gazzelle, anche questa è completamente erbivora, cibandosi quindi di erbe e foglie. Quando vede delle foglie su di rami più alti, si tira su, appoggiandosi sulle zampe posteriori, come l’antilope giraffa.

Schede Mammiferi