Volpe del capo

Classe: mammalia | Ordine: carnivora | Famiglia: canidae | Specie: vulpes chama

Volpe del capo

La Volpe del capo è il mammifero più piccolo della famiglia dei Canidea ed è anche l’unico esemplare della sua specie. È diffusa in tutta l’Africa meridionale, risiede stabilmente in tutte le zone della savana, delle steppe arbustive e dei semideserti. La Volpe del capo è lunga circa 45-61 cm con un peso che va dai 3,6 Kg ai 5 Kg, il mantello è di colore grigio-argentato, i fianchi e il ventre sono di colore giallo chiaro, le orecchie sono molto grandi e appuntite e la coda è molto lunga, folta e di colore nero. Questo animale è attivo durante la notte, durante il giorno rimane nascosto in una delle tante tane sotterranee che si crea. È un ottimo scavatore e si crea il giaciglio da solo, molte volte utilizza tane abbandonate di altri animali, le quali vengono sistemate in base alle sue necessità.

Pur non essendo un animale particolarmente territoriale, marca comunque il suo territorio attraverso lo spruzzo di una sostanza dall’odore molto forte. È un animale monogamo, una volta scelto il partner sarà quello per tutta la vita; nonostante formi quindi coppia fissa, si sposta e va in cerca di cibo sempre da solo. Quando deve comunicare con il partner o per avvisare di qualche pericolo, emette un suono particolarmente soffuso, simile ad un cinguettio. Quando la Volpe del capo si sente braccata o comunque minacciata, assume la classica posa da difesa, sputando verso l’avversario, ringhiando e agitando molto la coda. Proprio dal modo in cui muove la coda si può capire il suo stato d’animo. La dieta di questo mammifero è molto variata, da buon onnivoro, si ciba sia di altri animali che vegetali.

È particolarmente ghiotto di piccoli mammiferi, come i roditori, di rettili, conigli, ragni, uccelli, lepri, uova trovate nei nidi, larve e molta frutta. A differenza della cugina, la volpe rossa, questo Canidae non ha un periodo preciso per quanto riguarda l’accoppiamento, in quanto questa pratica avviene tutto l’anno. Nonostante questo, la femmina partorirà solo nei mesi che vanno da ottobre a gennaio. La gestazione durerà circa 53 giorni, in seguito la femmina potrà dare alla luce da 1 a 6 cuccioli. Una volta nati, i piccoli rimarranno nelle tane sotterranee per circa 4 mesi, dove saranno accuditi e nutriti dai genitori. In seguito, saranno in grado di uscire e procurarsi il cibo in autonomia.

Schede Mammiferi