Orbettino

Classe: reptilia | Ordine: squamata | Famiglia: anguidae | Specie: anguis fragilis

Orbettino

Caratteristiche:
L’Anguis fragilis, meglio noto con il nome di orbettino è una particolare lucertola che viene spesso scambiata per un serpente a causa del suo aspetto fisico. Questo rettile, infatti, ha il corpo allungato ed è privo di zampe. A differenza dei serpenti non ha i denti del veleno. E’ però dotato di palpebre e come molte lucertole può staccare la coda – che rappresenta il 60% del corpo – in caso di pericolo. Un fenomeno detto autotomia che è comune alla maggiorparte delle specie appartenenti alla famiglia delle lucertole. L’orbettino è caratterizzato dalla pelle liscia e lucida sotto la quale sono presenti delle placche ossee dette osteodermi. Può assumere una colorazione molto variabile che va dal grigio al marrone. Le femmine e gli esemplari giovani hanno i fianchi più scuri, mentre, i maschi adulti presentano una colorazione della livrea generalmente uniforme. Il ventre, invece, è totalmente nero. Possono arrivare a misurare fino a 50 centimetri di lunghezza, anche se le dimensioni medie si aggirano tra i 35 e i 40 centimetri per un peso che oscilla tra i 30 e i 60 grammi. L’alimentazione dell’orbettino è costituita principalmente da piccoli insetti, lumache, vermi e lombrichi che caccia solitamente dopo il crepuscolo, poichè trascorre gran parte della giornata nascosto in buche nel terreno, sotto qualche sasso o tra la vegetazione per ripararsi nelle ore più calde non avendo eccessivo bisogno di assorbire calore.

Habitat:
L’orbettino è un animale molto adattabile e si può trovare negli ambienti più disparati, anche se preferisce comunque le aree aperte ed erbose dove poter scavare buche nel terreno per ripararsi. Non è insolito quindi trovarlo nei pascoli, nei sentieri radenti boschi e radure, nei pressi di frutteti e orti. In inverno rimane rintanato in buche sotterranee svernando da novembre fino a marzo.

Distrbuzione:
Vive principalmente in territorio caratterizzati da climi freschi e umidi. E’ diffuso quindi a diverse latitudine e lo si può trovare in tutta Italia e in tutta Europa tranne che in Irlanda e in Islanda. Occupa tutte le regioni del bacino del Mediterraneo e quelle africane.

Riproduzione:
Si tratta di una specie ovovivipara, ovvero le uova vengono incubate nel ventre materno e i piccoli vengono partoriti vivi dopo la schiusa delle uova. La stagione degli amori inizia a maggio. I piccoli vengono partoriti dopo circa 3 mesi e sono lunghi dai 7 agli 8 centimetri. La maturità sessuale viene raggiunta intorno ai tre anni di età. Nella stagione degli amori non è insolito che i maschi combattano tra loro per conquistare la femmina.

Schede Rettili