Tartaruga di terra

Classe: reptilia | Ordine: testudines | Famiglia: testudinidae | Specie: testudo hermanni

Tartaruga di terra

Caratteristiche:
La Testudo Hermanni, meglio nota come Testuggine Hermanni, è la specie più comune di tutte le tartarughe del Mediterraneo e può essere considerata la vera Tartaruga Terrestre italiana. E’ un animale docile che non richiede cure particolarmente impegnative o costose. Gli esemplari di questa specie hanno il carapace con macchie nere e gialle che con l’età vanno scurendosi. Si tratta di una specie protetta che può essere commercializzata solo in caso di animali già nati in cattività. Sono caratterizzate da dimorfismo sessuale, con maschi a piastrone concavo e coda più allungata che nelle femmine; scuto sopracaudale quasi sempre diviso. Vive in media dai 30 ai 40 anni.
Queste tartarughe sono erbivore quindi mangiano principalmente verdure in foglia e frutta.
La lattuga non deve essere la base dell’alimentazione di queste tartarughe, poiché povera di calcio. Da preferire, invece, il radicchio rosso, l’indivia, la scarola, i broccoli, la cicoria, la rucola e l’erba medica tutti ricchi di calcio e fosforo. Gradiscono anche qualche carota, pomodori e frutta di stagione.

Distribuzione:
Si tratta di una testuggine originaria dell’Europa meridionale. Vive prevalentemente al nordest della Spagna, al sud della Francia, al nordest dell’Italia e su alcune isole del Mediterraneo. Predilige i climi caldi tipicamente mediterranei.

Habitat:
Trattandosi di un animale molto robusto riesce ad adattarsi a diversi ambienti, umidi o secchi, purchè siano caldi. Quindi è possibile ritrovarla in natura in diversi habitat come boschi, boscaglia, pascoli e fattorie.

Riproduzione:
L’accoppiamento avviene prevalentemente in primavera, al risveglio del letargo invernale. Le uova, invece, vengono deposte in estate e l’incubazione dura circa otto settimane. Devono essere sempre ben coperte dalla terra e non trovarsi in un luogo troppo assolato. Quando la deposizione avviene alla fine dell’estate o ai primi d’autunno i piccoli devono essere allevati artificialmente in un terrario.

Schede Rettili