Tag: Primates

All’ordine dei primati appartengono circa 157 specie di scimmie con dimensioni che possono variare a seconda della specie da un minimo di 70 grammi fino agli oltre due quintali dei gorilla. Di quest’ordine fa parte anche il genere umano. Ad eccezione dell’uomo i primati sono animali essenzialmente arboricoli. Esistono specie di scimmie che si muovono su 4 zampe e altre che camminano in posizione eretta. La maggior parte delle scimmie possiede la coda che può essere più o meno lunga e che può avere funzione prensile. Tra i caratteri che accomunano tutte le specie, ci sono comunque la testa rotonda, gli occhi in posizione frontale, orecchie piccole e simili a quelle dell’uomo, muso piccolo, mani e piedi con facoltà prensili. Il corpo è ricoperto di pelo che cambia di colore in base alla specie, lasciando però nude le zone del viso, delle natiche e degli organi sessuali. Le femmine possiedono le mammelle per allattare i propri cuccioli. I primati possiedono 36 denti di cui i canini hanno la conformazione delle zanne, mentre tutti gli altri sono tipici della dieta onnivora.

Habitat e distribuzione:
I primati si sono adattati nel tempo a habitat naturali diversi. Sono diffusi nelle regioni tropicali e subtropicali del mondo. Prediligono comunque le foreste sempreverdi dell’Africa, dell’Asia e dell’America meridionale. A seconda della specie preferiscono climi più o meno aridi o climi prettamente tropicali. La progressiva distruzione dei loro habitat naturali sta mettendo a rischio numerose specie.

Riproduzione:
Non esiste una vera e propria stagione degli amori per i primati che possono riprodursi in qualunque periodo dell’anno. Il maschio dominante del gruppo è l’unico che può accoppiarsi con le femmine. La gestazione dura nove mesi per i gorilla, un po’ meno per le altre specie più piccole. I parti gemellari sono molto rari. I piccoli stanno con la madre fino 3-4 anni. Nei primi mesi di vita viene allattato con il latte materno. Il maschio non partecipa alla cura della prole. La maturità sessuale è raggiunta intorno ai 10 anni di vita.

Specie:
I primati sono un ordine di mammiferi che comprende diversi generi. Oltre all’essere umano e alle scimmie antropomorfe, quest’ordine comprende anche delle scimmie di piccole dimensioni con il muso appuntito che assomigliano più a dei topi che sono chiamate tupaie. I primati vengono generalmente suddivisi in due gruppi: quello delle proscimmie e quello degli antropoidei. Al primo gruppo appartengono i lemuri formi, i lorisidi e i tarsiformi. Al secondo gruppo appartengono le scimmie antropomorfe e l’uomo.

All’ordine dei primati appartengono circa 157 specie di scimmie con dimensioni che possono variare a seconda della specie da un minimo di 70 grammi fino agli oltre due quintali dei gorilla. Di quest’ordine fa parte anche il genere umano. Ad eccezione dell’uomo i primati sono animali essenzialmente arboricoli. Esistono specie di scimmie che si muovono su 4 zampe e altre che camminano in posizione eretta. La maggior parte delle scimmie possiede la coda che può essere più o meno lunga e che può avere funzione prensile. Tra i caratteri che accomunano tutte le specie, ci sono comunque la testa rotonda, gli occhi in posizione frontale, orecchie piccole e simili a quelle dell’uomo, muso piccolo, mani e piedi con facoltà prensili. Il corpo è ricoperto di pelo che cambia di colore in base alla specie, lasciando però nude le zone del viso, delle natiche e degli organi sessuali. Le femmine possiedono le mammelle per allattare i propri cuccioli. I primati possiedono 36 denti di cui i canini hanno la conformazione delle zanne, mentre tutti gli altri sono tipici della dieta onnivora.

Habitat e distribuzione:
I primati si sono adattati nel tempo a habitat naturali diversi. Sono diffusi nelle regioni tropicali e subtropicali del mondo. Prediligono comunque le foreste sempreverdi dell’Africa, dell’Asia e dell’America meridionale. A seconda della specie preferiscono climi più o meno aridi o climi prettamente tropicali. La progressiva distruzione dei loro habitat naturali sta mettendo a rischio numerose specie.

Riproduzione:
Non esiste una vera e propria stagione degli amori per i primati che possono riprodursi in qualunque periodo dell’anno. Il maschio dominante del gruppo è l’unico che può accoppiarsi con le femmine. La gestazione dura nove mesi per i gorilla, un po’ meno per le altre specie più piccole. I parti gemellari sono molto rari. I piccoli stanno con la madre fino 3-4 anni. Nei primi mesi di vita viene allattato con il latte materno. Il maschio non partecipa alla cura della prole. La maturità sessuale è raggiunta intorno ai 10 anni di vita.

Specie:
I primati sono un ordine di mammiferi che comprende diversi generi. Oltre all’essere umano e alle scimmie antropomorfe, quest’ordine comprende anche delle scimmie di piccole dimensioni con il muso appuntito che assomigliano più a dei topi che sono chiamate tupaie. I primati vengono generalmente suddivisi in due gruppi: quello delle proscimmie e quello degli antropoidei. Al primo gruppo appartengono i lemuri formi, i lorisidi e i tarsiformi. Al secondo gruppo appartengono le scimmie antropomorfe e l’uomo.



Scimmia urlatrice

Generalità e morfologia: L’Alouatta, più comunemente conosciuta come scimmia urlatrice, è un primate appartenente alla famiglia degli Atelidi. Nel territorio americano, unico continente nel quale essa è diffusa, si contano circa dieci specie differenti e la loro grandezza è compresa tra i 56 ed i 92 cm esclusa raggiungendo un peso massimo di 11...
Leggi l'articolo

Scimpanze

Generalità e morfologia: Il Pan troglodytes, comunemente conosciuto con il nome di scimpanzé, è un primate appartenente alla famiglia degli ominidi, specie che si caratterizza per la straordinaria somiglianza genetica e fisica che ha con l’essere umano. Questa simpatica scimmia antropomorfa pur non raggiungendo dimensioni considerevoli – si stima che un esemplare maschio adulto...
Leggi l'articolo

Orango del borneo

Generalità e morfologia: Il Pongo pygmaeus, più comunemente conosciuto come Orango del Borneo, è un genere di scimmia ominide dalle peculiarità assolutamente inconfondibili. Il suo corpo è caratterizzato da arti anteriori molto più lunghi e forti di quelli posteriori tanto che il tronco, per quanto grande e ben sviluppato, sembra essere piccolo in proporzione...
Leggi l'articolo

Mandrillo

Generalità e morfologia: Il mandrillus sphinx è un particolare primate appartenente alla famiglia dei Cercopitetici. Esso misura in lunghezza al massimo un metro, compresi i dieci centimetri di coda, la testa si presenta piuttosto grande e sproporzionata rispetto alle dimensioni totali del corpo ed il muso, molto allungato e colorato, è caratterizzato da due...
Leggi l'articolo

Lemming

I lemuri sono i rappresentanti più primitivi dei primati. I lemuri presentano dimensioni in genere medie o piccole, superando raramente i 70 cm; il loro peso varia dai soli 30 grammi ai 10 chili; hanno il tronco allungato e la coda solitamente ben sviluppata, mai prensile. La testa è allungata con il muso più...
Leggi l'articolo

Gorilla

Generalità e morfologia: Il Gorilla è il più grande Primate appartenente alla famiglia delle scimmie antropomorfe. Le sue dimensioni sono straordinariamente imponenti: un esemplare maschio gigante allo stato di adulto può misurare addirittura più di due metri di altezza e raggiungere ben 300 kg di peso. Anche il capo ha uno sviluppo poderoso ed...
Leggi l'articolo

Babbuino della guinea

Generalità e morfologia: Il babbuino della Guinea, il cui nome scientifico è Papio papio, appartiene alla grande famiglia dei primati detti Cercopitedici e rappresenta la specie più piccola del genere dei Babbuini. Il peso medio di un esemplare adulto è di circa 17 kg, la lunghezza del corpo raggiunge un massimo di 68 cm...
Leggi l'articolo