Ara macao

Classe: aves | Ordine: psittaciformes | Famiglia: psittacidae | Specie: ara macao

Ara macao

Generalità e morfologia:
L’Ara macao, variopinto pappagallo del genere Ara, è stata negli ultimi anni oggetto di un forte declino a causa della massiccia richiesta commerciale e della progressiva distruzione del suo habitat ideale. Ad oggi in natura se ne contano meno di 5000 esemplari. L’uccello è piuttosto grande in dimensioni: la lunghezza del corpo raggiunge i 90 centimetri per un peso di circa un chilogrammo. Il piumaggio è principalmente rosso scarlatto con penne blu chiaro all’altezza del dorso e della coda ed alcune piume di un giallo intenso sulle ali. Non vi è una differenza marcata tra gli esemplari di genere sessuale diverso, piuttosto è l’età che crea alcune differenziazioni, crescendo infatti le Are Macao tendono a schiarire notevolmente il colore dell’iride. Habitat: Questo magnifico pappagallo dai colori sgargianti vive soprattutto nelle foreste sempreverdi dell’America tropicale ed in particolare in Messico, Perù, Honduras e nell’area amazzonica del Brasile. In genere la specie si stanzia in aree d’altitudine inferiore ai 500 m s.l.m.

Vita sociale e comportamento:
Come tutti i generi di Ara, l’Ara Macao vive in folti gruppi costituiti da un gran numero di esemplari che si spostano durante il giorno in cerca di frutti e semi o di luoghi presso i quali è presente un terreno argilloso che leccano golosamente. Gli esemplari comunicano tra loro attraverso un ricco vocabolario sonoro fatto di una vasta gamma tonale che va da acuti squittii a profondi e bassi suoni rauchi.

Corteggiamento e riproduzione: 
Dopo aver trovato una riparata cavità di un albero, quest’uccello predispone un nido reso comodo da piccoli rametti o corteccia d’albero. Qui la femmina deporrà dalle 2 alle 4 uova che saranno covate per circa 25 giorni. I futuri nascituri rimarranno nel nido per più di tre mesi, durante i quali i genitori provvederanno a procurargli tutto il cibo e le cure di cui necessitano. Sarà solo al raggiungimento del primo anno di vita che  i nuovi nati potranno abbandonare la compagnia dei genitori per dedicarsi ad una vita autonoma.

Schede Uccelli