Calopsita

Classe: aves | Ordine: psittaciformes | Famiglia: cacatuidae | Specie: nymphicus hollandicus

Calopsita

Generalità e morfologia:
La Calopsitta , Nymphicus hollandicus , con i suoi 32 centimetri di lunghezza massima ed un peso non superiore ai 100 grammi, rappresenta la specie più piccola della famiglia dei Cacatua. Il piumaggio che ricopre il suo corpicino esile ed allungato è di un grigio molto intenso, il ciuffo erettile ed il capo presentano una colorazione giallo pallido su cui spiccano caratteristiche macchie guanciali rosso arancio. Negli esemplari femminili quest’ultime hanno un tono decisamente meno intenso e può capitare che presentino un ciuffo completamente grigio ed alcune bordature gialle e nere in prossimità della coda. La vita media della specie è di circa 20 anni. Habitat: La specie è diffusa unicamente nel continente australiano. Preferisce vivere presso grandi praterie dell’entroterra tendendo ad evitare le zone costiere.

Vita sociale e comportamento:
Questi piccoli pappagalli amano molto la compagnia e sono considerati tra i più socievoli e docili del loro genere infatti, se acquistati per vivere all’interno di un’abitazione, è opportuno non far mancar mai loro la compagnia dell’uomo (al quale si affeziona facilmente) o di un suo simile. Intuire il suo umore è molto semplice, basta osservare il ciuffo erettile: se esso è tenuto ben dritto significa che l’animale è piuttosto attento a ciò che accade nell’ambiente circostante, posto in posizioneorizzontale denota uno stato di calma e benessere mentre, se si mostra teso e rigido vuol dire che il piccolo volatile è piuttosto nervoso ed agitato. Le Calopsitte si nutrono principalmente a terra preferendo semi, bacche e frutti.

Corteggiamento e riproduzione: 
Durante la stagione degli amore il maschio di Calopsitta cerca di catturare l’interesse della femmina attraverso un grazioso spettacolo fatto di vocalizzi e danze in volo. Anche dopo l’accoppiamento esso sarà sempre molto attento e disposto a sostituire la femmina nel compito della cova delle uova. Quest’ultime sono mediamente dalle tre alle sei e cominceranno a schiudersi solo dopo 21 giorni d’incubazione. Alla nascita i piccolini saranno amorevolmente accuditi dalla mamma ed abbandoneranno il nido solo al raggiungimento delle 10 settimane di vita.

Schede Uccelli