Tordo sassello

Classe: aves | Ordine: passeriformes | Famiglia: turdidae | Specie: turdus iliacus

Tordo sassello

Il Tordo sassello, facente parte della famiglia dei Turdidi, con i suoi 22 cm di lunghezza e 70 grammi di peso, è l’esemplare più piccolo della famiglia dei tordi. Presenta la classica colorazione che hanno tutti gli esemplari della sua famiglia, quindi la parte superiore di colore marrone scuro, la parte inferiore bianca con striature brune, sopracciglia di color crema, i fianchi sono di un marroncino più tenue rispetto al resto del corpo e infine la coda lunga e marrone. Viene spesso confuso con il cugino Tordo bottaccio per la similarità dei colori, quest’ultimo comunque viene riconosciuto, da un occhio esperto, per la colorazione più intensa e più rossiccia rispetto al parente sassello.

Durante il volo, questo uccello ricorda uno storno, in quanto presenta ali lunghe e coda corta; in estate convive con pochi esemplari della sua specie, in inverno invece, durante la migrazione, si sposta in grandi stormi. È molto diffidente con altri esemplari e con l’uomo, risulta essere più avvicinabile durante il periodo invernale, quando cerca cibo.

È presente principalmente in Europa, Asia, Africa e America del nord, si accampa principalmente in boschi di conifere, campagne coltivate e zone montane che non superino i 2000 metri di altezza.

Si ciba prevalentemente di piccoli invertebrati, semi e frutta, caccia il cibo sia al suolo che sopra gli alberi, in inverno cerca cibo anche nei parchi e nei giardini, aspettando anche la presenza dell’uomo.

Il Tordo sassello presenta due intonazioni di canto differenti, durante la quotidianità, il suo richiamo ricorda un tiurii tiurii, debole e ripetuto, mentre durante la migrazione, il suo richiamo diventa più squillante con un caratteristico tsiii soprattutto per gli spostamenti notturni (si dirige soprattutto verso il Mediterraneo durante i mesi invernali).

E’ una specie molto territoriale durante la scelta del luogo dove nidificare ed è monogamo, quindi, una volta scelta la compagnia, sarà per tutta la vita. Il giaciglio viene costruito con muschio ed erba e viene deposto su rami o cespugli, quasi mai sul suolo. Da aprile-agosto, la femmina deporrà circa 6 uova, le quali saranno covate, solo dalla mamma per circa due settimane. Dal momento della nascita i piccoli saranno sfamati e protetti da entrambi i genitori per altre due settimane, finchè non prenderanno il volo in completa autonomia.

Schede Uccelli