Home Approfondimenti Cosa mangia la farfalla?

Cosa mangia la farfalla?

Alla scoperta delle farfalle

Le farfalle, insetti impollinatori che, soprattutto in primavera, possiamo osservare ovunque ci siano
dei fiori, appartengono all’ordine dei lepidotteri (come le falene) e si differenziano in numerose specie che differiscono per grandezza e colorazione delle ali.
A differenza delle falene, le farfalle sono caratterizzate da colori vivaci e disegni geometrici splendidi e variopinti.

Di cosa si nutrono le farfalle?

Le farfalle, come già accennato in precedenza, appartengono all’ordine dei lepidotteri, un gruppo di insetti che si nutrono attraverso una particolare struttura chiamata “spirotromba”.

Quest’ultimo non è altro che il loro apparato boccale, simile ad una lunga proboscide che “succhia” il cibo e che si riavvolge a spira quando è a riposo.

Le farfalle si cibano principalmente di liquidi, come il nettare contenuto nei coloratissimi fiori primaverili ed estivi, ma non è tutto! Alcune farfalle preferiscono nutrirsi dei liquidi che trasudano
dalla frutta in putrefazione, mentre altre ancora si alimentano dei liquidi che trasudano dallo sterco del cavallo. Vi è inoltre una particolare specie di farfalla, diffusa in Thailandia, che ama succhiare la secrezione lacrimale dei bovini selvatici.

Un piccolo suggerimento

La sempre più frequente costruzione di numerosi centri abitati e commerciali, sta progressivamente togliendo spazio all’habitat naturale di moltissime specie di esseri viventi.

Dove possibile, possiamo provare ad invertire questa tendenza, creando nei nostri giardini, aree apposite dove coltivare specifiche piante e fiori per far sì che alcuni animali, in particolare uccelli e
farfalle, abbiano la possibilità di rifugiarsi e nutrirsi.
Tra le erbacee annuali e perenni possiamo scegliere, ad esempio, tra calendula, malva e margherita; tra gli arbusti ed i rampicanti è possibile coltivare more, lamponi e rosmarino; infine, tra le erbe
aromatiche è possibile scegliere tra il prezzemolo, l’origano, la maggiorana e la lavanda.

Un piccolo aiuto di cui la natura vi sarà sicuramente grata!

Exit mobile version