Centopiedi

Classe: varie | Ordine: vari | Famiglia: varie | Specie: vari

Centopiedi

I centopiedi ed i millepiedi sono degli animali appartenenti al Pyylum degli Artropodi, sono animali terrestri caratterizzadi dal possedere il corpo suddiviso in numerosissimi segmenti. Da ogni segmento parte uno o due paia di zampe. La testa è provvista di un apparato boccale masticatore ed un solo paio di antenne, non esiste una grande diversificazione di centopiedi e millepiedi, e sono di gran lunga meno abbondanti degli Insetti. Vivono solo in particolari microhabitat umidi. Il loro forte legamen con gli ambienti umidi deriva dal fatto che a differenza degli Insetti la cuticola che riveste il loro esoscheletro è permeabile all’acqua, quindi in ambienti asciutti rishcierebbero di disidratarsi velocemente.

A parità dei cugini insetti posseggono l’apparato respiratorio che comunica all’esterno tramite delle aperture lungo il loro esoscheletro. In particolare i centopiedi posseggono un solo paio di zampe per segmento, il corpo dei centopiedi è composto di minimo sedici segmenti, al termine di ogni arto portano delle piccole appendici acuminate avvelenate che utilizzano per uccidere le loro prede, l’iltimo paio di arti è sempre più lungo degli altri. Sono generalmente carnivori, ma alcune specie si nutrono di vegetali in decomposizione che trovano nella lettiera del sottobosco. Hanno una colorazione bruno giallastra.

I millepiedi sono invece caratterizzati da un corpo composto da segmenti più ridotti che portano due paia di zampe ciscuno, si muovono molto più lentamente rispetto ai centopiedi, si nutrono di vegetali e di sostanze in decomposizione. In realtà non posseggono mille arti ma alcune specie ci si avvicinano di parecchio, in generale ne possiedono almento 750, un comportamento caratteristico dei millepiedi è quello di avvolgersi su se stessi per proteggersi, ma la loro difesa non è solo passiva, possono infatti emettere sostanza chimiche tossiche se disturbati. 

La scolopendra:
La scolopendra gigantea è il centopiedi più grande del mondo, vive nell’America del sud, la lunghezza del suo corpo può raggiungere i 30 centimetri, la loro grossa stazza gli permette di cacciare anche piccoli anfibi come rane ed anche piccoli mammiferi come i topi, usano come armi le appendici delle loro zampe che sono munite di un veleno in grado paralizzare le loro prede. Sono particolarmente vistose grazie alla colorazione del corpo che in genere assume colori sgargianti sul rosso arancio con strisce nere. 

Schede Invertebrati