Bufalo africano

Classe: mammalia | Ordine: artiodactyla | Famiglia: bovidae | Specie: syncerus caffer

Bufalo africano

Il Bufalo africano o Bufalo nero è un mammifero facente parte della famiglia dei Bovidi, è l’unico esemplare della sua specie. È un animale di grosse dimensioni, è lungo circa 250 cm, pesa circa 700-1000 Kg ed è alto 180 cm. La caratteristica che lo rende facilmente riconoscibile da tutto il Mondo, sono le enormi corna che gli solcano il capo, dalla tipica forma ricurva che si sviluppano in larghezza e non in lunghezza come per la maggior parte degli altri animali. Possono raggiungere anche il metro di lunghezza, sono molto forti e robuste come si può notare anche durante gli scontri tra i maschi durante il periodo degli amori. Il suo manto è completamente nero e folto.

Questo esemplare è possibile avvistarlo maggiormente nell’Africa subsahariana e nei Paesi che si estendono dal Golfo di Guinea al Mozambico al Sudafrica; il suo habitat naturale è formato esclusivamente dalla savana africana. Il Bufalo africano vive in grossi branchi formati anche da 400 individui; questi gruppi sono formati quasi sempre da femmine, dai loro piccoli e dagli esemplari giovani, mentre i maschi adulti vivono per lo più in solitaria fino al periodo degli accoppiamenti, dove raggiungono le femmine. I gruppi vengono guidati da una o più figure principali, formate sia da maschi che da femmine e molto spesso non rappresentano le figure dominanti.

Finiti i periodi delle piogge, la femmina entra in calore e ha così inizio il periodo degli accoppiamenti. In seguito, dopo dieci mesi di gestazione, daranno alla luce diversi piccoli. Questo grosso animale esclusivamente erbivoro, è considerato uno delle specie più pericolose per l’uomo per via del suo carattere irascibile, aggressivo e per via della sua straordinaria forza, riuscendo a mettere in fuga anche i leoni. Questo mammifero ama molto effettuare bagni rigenerativi nel fango e nell’acqua; questa sua particolare abitudine è adibita al fatto che in questo modo può sbarazzarsi dei numerosi parassiti che gli si appoggiano sul corpo e per il fenomeno della termoregolazione. Un’altra tecnica per combattere i parassiti è quella di far appoggiare al proprio corpo numerosi uccelli che provvedono loro a ucciderli, durante l’alimentazione. Sono molto famose le foto del Bufalo africano circondato da numerosi uccellini appollaiati soprattutto sulle corna e sulla schiena.

Schede Mammiferi