Scimpanze

Classe: mammalia | Ordine: primates | Famiglia: hominidae | Specie: pan troglodytes troglodytes

Scimpanze

Generalità e morfologia:
Il Pan troglodytes, comunemente conosciuto con il nome di scimpanzé, è un primate appartenente alla famiglia degli ominidi, specie che si caratterizza per la straordinaria somiglianza genetica e fisica che ha con l’essere umano. Questa simpatica scimmia antropomorfa pur non raggiungendo dimensioni considerevoli – si stima che un esemplare maschio adulto non superi mai 1,50 m di altezza – mostra una muscolatura così potente da superare in forza  anche l’uomo più solidamente costituito. Il suo corpo presenta arti posteriori più corti degli anteriori, mani e piedi fortemente prensili ed un’ampia bocca che ospita una dentatura solidissima. Habitat: E’ distribuito prevalentemente nella parte centro-occidentale dell’Africa e nella zona equatoriale. Preferisce sostare nelle foreste, nelle boscaglie ricche d’acqua e nei luoghi in cui la vegetazione arborea è abbondante. 

Vita sociale e comportamento:
Gli scimpanzé amano molto la vita comunitaria e preferiscono vivere in famiglie molto numerose composte da esemplari di qualsiasi sesso ed età e guidate da un anziano. Le comunità non hanno una dimora fissa ma errano di continuo in un’area piuttosto ampia fermandosi solo a sera sui rami di un albero e costruendo su di esso piattaforme presso le quali passare la notte. Il loro cibo è costituito principalmente da sostanze vegetali quali foglie, germogli, frutta e semi. La spiccata intelligenza degli scimpanzé è stata a lungo oggetto di studi di etologi e scienziati i quali sono stati in grado di affermare con certezza che esista una vera e propria “cultura” nei gruppi. Inoltre, allevato in cattività, lo scimpanzé si è rivelato capace di comunicare con l’uomo attraverso il linguaggio dei gesti nonché di utilizzare abilmente molti utensili umani.

Corteggiamento e riproduzione:
Nel periodo della riproduzione gli esemplari maschi danno vita ad un vero e proprio rituale di corteggiamento: essi si pongono a poca distanza dalla femmina prescelta e, sostenendosi con le mani al suolo, spingono il bacino in avanti. Generalmente le femmine rispondono alle avances dei maschi appartenenti agli status più elevati affinché possano garantire maggiore protezione al futuro nascituro. La gestazione dura circa 200-260 giorni, al termine dei quali la femmina partorirà un cucciolo di circa 2 kg di peso.

Schede Mammiferi