Volpe

Classe: mammalia | Ordine: carnivora | Famiglia: canidae | Specie: vulpes vulpes

Volpe

Generalità e morfologia:
La Volpe è un Canide di medie dimensioni caratterizzata da un areale piuttosto ampio, si contano infatti nel mondo almeno 45 sottospecie diverse e delle quali la volpe rossa- vulpes vulpes  – è senza dubbio la maggior rappresentate. Quest’ultima, che raggiunge le dimensioni massime tra le volpi, presenta una testa abbastanza larga ed un muso fortemente aguzzo e snello; le orecchie, larghe ed appuntite, ed il corpo esile ma robusto sono ricoperti da una splendida pelliccia rossa e morbida. La coda folta e lunga più di 50 centimetri in alcuni casi presenta una colorazione biancastra all’estremità.

Habitat:
Possedendo una spiccata capacità di adattamento, le volpi rosse riescono ad insediarsi in qualsiasi ambiente si possa reperire facilmente del cibo. La specie è infatti distribuita praticamente in tutto il mondo, dalla vastissima area dell’emisfero settentrionale al Medio Oriente (escluse le zone desertiche), dal Nordamerica all’Australia, dall’ India alla Cina e Giappone.

Vita sociale e comportamento:
Da sempre nell’immaginario comune la volpe ha fama di essere un animale fiero, forte, generoso, nobile ma anche piuttosto scaltro e furbo. In realtà non è né più né meno crudele di tanti altri carnivori che devono necessariamente cacciare per poter sopravvivere. La specie ha abitudini prettamente notturne, durante il giorno infatti le volpi preferiscono sonnecchiare pigramente nelle loro tane per poi svegliarsi e partire alla caccia solo al crepuscolo. Esse preferiscono cibarsi soprattutto di piccoli  e medi roditori, in particolar modo di lepri e conigli selvatici ma, qualora questi scarseggino, si accontentano anche di piccoli uccelli ed insetti.

Corteggiamento e riproduzione:
E’ verso la fine dell’inverno che inizia il periodo dell’amore, momento nel quale i maschi corteggiano insistentemente le femmine contendendosele con furia e veemenza, a volte arrivando addirittura a mordersi gravemente. Dopo l’accoppiamento il maschio segue la femmina, la quale, dopo una gestazione di nove settimane circa, depone un numero di cuccioli che può variare da tre fino ad un massimo di dodici. Poco prima del parto essa sceglie con cura una tana sicura e ben nascosta che tappezzerà con i peli della propria pelliccia al fine di rendere l’ambiente comodo e caldo per i futuri nascituri. Durante i primi giorni di vita quest’ultimi non saranno mai abbandonati dalla mamma e solo dopo circa un mese sarà permesso loro di compiere piccole passeggiate all’aperto sotto la sua supervisione.

Schede Mammiferi