Alce

L’alce rappresenta la specie più grande della sua famiglia, può arrivare a misurare fino a 3 metri e a pesare 500kg. Vive in ambienti montani e sorprendentemente è anche un buon nuotatore.

Alce

L’alce si distingue dagli altri membri della stessa famiglia per la forma dei plachi che è presente solo nei maschi. Le comuni corna salgono come dei raggi cilindrici su ogni lato e si dividono a forchetta dopo un breve spazio.
Il nome latino originale è Alces, che ha origine indoeuropea è prende spunto dalla parola inglese Elk. La morfologia dell’alce prevede delle zampe che conferiscono all’animale un aspetto goffo, con un lungo muso carnoso e una piccola area glaba sotto le narici. I maschi si riconoscono grazie alla sacca che gli pende sotto il collo, conosciuta come “campana”.
Il collo corto non permette all’animale di pascolare e per questo motivo il nutrimento principale sono i germogli e le foglie di salice e betulla, nonché diverse piante aquatiche. I maschi hanno un peso che si aggira intorno ai 550 Kg e le femmine spesso superano i 400 Kg, alla nascita i piccoli di alce pesano 15 kg ma aumento velo mente di stazza.
Un alce dell’Alaska scoperto nel 1897 detiene il record come cervide moderno più grande; si trattava di un maschio di 2,34 m d’altezza e con un peso di 816 kg. I suoi palchi avevano un’apertura di 199 cm.