Home Razze di cani Razze di cani con le rughe

Razze di cani con le rughe

17

Razze di cani con le rughe, quali sono? Come ci si prende cura di loro?

Fanno tanta tenerezza questi cagnolini rugosi.
Le pieghe che caratterizzano alcune razze sono una predisposizione genetica: il corpo produce molto acido ialuronico che fa diventare la pelle spessa.
Vediamo quali sono le razze più carine e simpatiche.

Razze di cani con le rughe: taglia piccola

Shar Pei

E’ forse il cane con le rughe più famoso del mondo. Di origine cinese, i primi esemplari apparvero fin dall’antichità (206 a. C. circa), è un cane molto affettuoso, ama essere coccolato ed è anche indipendente, ama infatti avere il suo spazio per quanto si leghi molto ai suoi padroni. E’ fra l’altro molto protettivo. La sua pelle necessita di cure attente e prodotti particolar poiché è delicata e facilmente soggetta ad attacchi da parte dei batteri. Curiosità: “pelle di sabbia” a causa del suo tipico colore.


Bulldog Inglese

Ha un aspetto decisamente particolare, molti lo ritengono un cane graziosissimo, una mascotte. C’è di sicuro che ha un carattere d’oro: coccolone, dolce, paziente con i bambini e giocherellone. E’ un cane tranquillo, perfetto per un appartamento, necessita però di movimento per non diventare obeso. Curiosità: originario del Regno Unito, questo cane è stato impiegato per il combattimento sin dal XVII secolo ed è uno dei simboli del paese britannico.


Carlino

Piccolo, tenero con tutte quelle rughe ed il muso schiacciato. E’ dolce e fedele, molto energico ed allegro. Anche lui purtroppo tende all’obesità, in questo caso oltre al movimento è necessario stare attenti alla sua dieta. Va lavato frequentemente perché le rughe possono accumulare secrezioni e umidità che causano infezioni e cattivo odore. Curiosità: ha origini cinesi.


Razze di cani con le rughe: taglia grande

Mastino Napoletano

Fra i cani di taglia grande con le rughe il primo che mi viene in mente è il mastino napoletano. Massiccio ed imponente ma anche molto buono. E’ pacifico, delicato con i bambini, d’indole tranquilla. Ma sbava molto. Curiosità: la sua origine risale all’anno 300 a.C. e si crede che il suo antenato sia il Mastino tibetano.


Bullmastiff

E’ semplicemente adorabile. Come tutti i molossi è gigante, produce litri di bava ma è dolcissimo. Pacifico, testardo, tranquillo, non ama le liti fra cani. Quando ci si mette ed è in vena di giocare è una forza della natura. Impossibile non amarlo Curiosità: i primi esemplari risalgono al XIX secolo e furono utilizzati per catturare ladri fuggiaschi sfruttando la sua potente mascella.


Cane di sant’Uberto (Bloodhound)

Sopracciglia aggrottate, gli occhi infossati e le mascelle pendenti, si tratta di un esemplare bavoso. Ha un carattere molto dolce ed affettuoso. Curiosità: in passato è stato spesso utilizzato come cane di salvataggio o cane da caccia per individuare la preda attraverso l’odore.

Razze di cani con le rughe: come prendersene cura

Prima di tutto è necessario sapere a quali problematiche di salute può andare incontro un cane con le rughe:

  • scabbia, il parassita ama annidarsi fra le pieghe della cute
  • infezioni, acari, funghi e parassiti si annidano facilmente
  • allergie, dovute ad acari, parassiti o anche sudore
  • irritazioni agli occhi e problemi alla vista
  • obesità pare che queste razze abbiano un metabolismo più lento
  • perdita di equilibrio legata al peso
  • problemi nella zona anale, come infiammazioni o infezioni

Come e quando va effettuata la pulizia del cane?

Ogni due giorni il cane va pulito con salviette umide ed un prodotto igienizzante adatto allo scopo. Le rughe degli occhi vanno sollevate e pulite. La zona anale va pulita e disinfettate se presenta irritazioni. Molto importante anche la pulizia delle orecchie.
Importante: quale che sia il prodotto che usate per la pulizia va rimosso o assorbito bene in modo da non causare ulteriore ristagno di umidità.
Attenzione a pulci e zecche, queste ultime prediligono le pieghe delle orecchie, degli occhi, la pancia e le zampe.
Il cane deve fare movimento ma soprattutto seguire un’alimentazione equilibrata.