Home Insetti Vespa

Vespa

301

Le vespe, appartenenti alla grande famiglia dei Vespidi, sono insetti dell’ordine degli Imenotteri. La prima cosa che bisogna sapere quando si fanno approfondimenti sulle vespe è la costruzione sociale che è molto simile a quella delle api. Vengono organizzate vere e proprie società, tra vespe operaie, sterili (quelle che non possono procreare) e femmine non sterili, che vengono definite regine.

I maschi non hanno un ruolo all’interno della società, perché compaiono saltuariamente, soltanto durante il periodo della riproduzione, ma non hanno un ‘posto fisso’ come insetti sociali. Ad ogni modo, nella piramide delle vespe tutto è molto complesso ma è necessario precisare che la costruzione e la precisione con la quale le api costruiscono e tengono in piedi questo tipo di società, non è paragonabile a quello che è invece il sistema delle vespe, più semplice sotto diversi punti di vista.

Alimentazione

Per quanto riguarda invece l’alimentazione delle vespe, quella degli adulti è prevalentemente incentrata sul nettare dei fiori e clorofilla, ma spesso aggiungono alla loro alimentazione anche insetti di piccolissime dimensioni che servono per la corretta crescita e il giusto sviluppo delle larve, a cui questi piccoli insetti vengono “trasmessi”, rilasciati.

Puntura e veleno delle vespe

Secondo alcune persone, la vespa a differenza dell’ape non avrebbe né pungiglione né veleno: questa informazione è pienamente sbagliata. Come nel caso di altri insetti, è la femmina ad aggredire, e può capitare che lo faccia anche alle persone. Il quantitativo di veleno presente nel pungiglione della vespa non è di sicuro importante per le persone, le quali di sicuro non avranno alcun tipo di problema, a meno che non ne scaturisca una pesante reazione allergica che a quel punto potrebbe davvero compromettere la nostra salute.

Per concludere, bisogna ricordare che il termine ‘vespa’ è generico, indica diversi tipi di animali, tra i quali molti che non hanno una costruzione della società del tipo sopraelencato.