Home Elenchi speciali L’animale mammifero più piccolo del mondo

L’animale mammifero più piccolo del mondo

134

L’animale più piccolo del mondo è abbastanza difficile da decretare:
Ma in sicuramente possiamo dire che il mammifero più piccolo del pianeta è il Mustiolo. Scopriamo di che animale si tratta, la sua descrizione e le sue caratteristiche.

Mustiolo: l’animale mammifero più piccolo del mondo

Il suo vero nome è Suncus etruscus Savi e fa parte della famiglia dei Soricidi.

E’ stato stabilito che si tratta del mammifero più piccolo del mondo per massa e peso.

Si tratta di una specie tutelata ai sensi della Legge 11/02/1992, n. 157 e protetta dalla Convenzione di Berna.

Descrizione

E’ molto simile ad un toporagno, è lungo da 3,6 a 5,2 cm con una coda lunga da 2,4 a 2,9 cm. Il peso si aggira fra 1,5-2,2 grammi.

La testa ha forma appuntita, sul muso presenta lunghe vibrisse, occhi piccoli e orecchie grandi.

E’ coperto di pelo molto sottile, grigio o bruno rossastro, più scuro sul dorso e più chiaro sul ventre. Anche la coda è coperta di pelo.

Habitat

E’ diffuso prevalentemente nei paesi attorno al Mediterraneo ma lo si trova anche in Oriente, vediamo nello specifico la distribuzione geografica:

  • Pakistan
  • India
  • Africa nelle zone della Tanziana
  • Ticino
  • Sud della Francia
  • penisola iberica e Balcani
  • Turchia
  • Sicilia e Sardegna

Si nasconde fra i cespugli, gli ammassi di rami e foglie, i bordi di vecchi muri, mucchi di pietre, boschi aperti a pino e a quercia, non disdegna ambienti urbani (giardini, parchi, argini di fiumi, ecc.) e i tronchi cavi. Ama i luoghi caldi, nelle zone fredde è molto difficile trovarlo e se lo si avvista è in letargo. Se si sente minacciato si rivela un ottimo arrampicatore.

Caratteristiche ed abitudini del Mustiolo: l’animale più piccolo del mondo

E’ un animaletto attivo sia di giorno che di notte, attività che è però intervallata da periodi di riposo. E’ solitario.

Alimentazione

Il Mustiolo è un carnivoro ed attacca solo prede che siano più piccole di lui, se è pari a lui non le attacca, quindi insetti piccoli, invertebrati e molluschi. L’agguato si svolge in questo modo: individua la preda, si avvicina a circa 30 cm di distanza e poi la attacca mordendola. Divora la preda e ne lascia i resti. Non si nutre di cimici per via del loro odore.

Riproduzione

Questo piccolo animaletto si riproduce in primavera, nascono da maggio ad ottobre. La gestazione dura sui 28 giorni, una femmina partorisce dai due ai cinque piccoli. I cuccioli nascono nudi, di colore rosa e dalla pelle rugosa. Gli occhi e le orecchie sono chiusi. Le dita delle zampe posteriori son saldate fra loro. Alla nascita i mustelidi pesano che da 0,18 a 0,27 g, mentre la loro lunghezza va da 14,2 a 15,4 mm.

Primato a rischio?

Fra i concorrenti per spodestare il mustiolo dal suo primato abbiamo:

  • Il Pipistrello calabrone o pipistrello farfalla, con la lunghezza della testa e del corpo tra 29 e 33 mm, la lunghezza dell’avambraccio tra 22 e 26 mm, la lunghezza del piede tra 5,9 e 6,8 mm, la lunghezza delle orecchie tra 9 e 12 mm e un peso fino a 3,2 g
  • Homopus signatusi, una tartarughina che può arrivare a misurare fino a 10 centimetri e a pesare massimo 140 grammi
  • il microcebo pigmeo primate che raggiunge la dimensione massima di circa 13 cm
  • L’uistitì pigmeo, ovvero la scimmia più piccola del mondo, arriva a misurare 35 centimetri di lunghezza ed a pesare 100 grammi