Home Elenchi speciali L’animale più grande del mondo

L’animale più grande del mondo

155

L’animale più grande del mondo è la Balenottera azzurra, in questa scheda ne illustriamo caratteristiche e descrizione.

Vediamo per quali motivi è stato definito fra tutti gli animali quello più grande, quali sono le sue abitudini e quali sono le principali cause della sua estinzione.

La balenottera azzurra è l’animale più grande del mondo
Il suo vero nome è Balaenoptera musculus e si tratta di un mammifero appartenente al sottordine dei Misticeti. Appartiene alla famiglia dei Balenotteridi, un gruppo che comprende la Megattera, la Balenottera comune, la Balenottera di Bryde, la Balenottera boreale e la Balenottera minore. E’ conosciuta anche come Balenottera di Sibbald.
Il nome Musculus è di origine latina e significa muscoloso, anche se in realtà secondo altre ipotesi potrebbe significare “piccolo topo” ma sembra non avere senso.
La specie è stata classificata per la prima volta da Linneo nel 1758.

Il motivo per cui si è aggiudicato il titolo è 33 metri di lunghezza e 180 tonnellate di peso.

Attualmente ne esistono tre sottospecie:

  •  B. m. musculus dell’Atlantico e del Pacifico settentrionale
  •  B. m. intermedia dell’Oceano Australe
  •  B. m. brevicauda dell’Oceano Indiano e del Pacifico meridionale

Caratteristiche e descrizione dell’animale più grande del mondo

Ha un corpo lungo e slanciato con tonalità grigio-bluastre sul dorso, ma si fa più chiaro sul ventre.

La testa è appiattita a forma di U e presenta una cresta dorsale che va dallo sfiatatoio alla sommità del labbro superiore.

La bocca è ricca di fanoni; circa 300 di queste strutture pendono dalla mascella superiore, estendendosi all’interno della bocca per quasi mezzo metro.

Ha una piccola pinna dorsale mentre le pinne pettorali sono lunghe 3-4 metri. Il loro margine superiore è grigio con una sottile striscia bianca lungo il margine. Quello inferiore è bianco. La testa e la pinna caudale sono generalmente di colore grigio uniforme.

Alimentazione

La balenottera azzurra si nutre di piccoli crostacei (krill). Può mangiare fino a 40 milioni di krill al giorno.
Si nutre a profondità di più di 100 metri nelle ore diurne, di notte invece mangia in superficie. Mentre mangia resta immersa per circa 10 minuti massimo 20 ma si è registrata anche un’immersione di 36 minuti.

Il pericolo di estinzione dell’animale più grande del mondo
Sino al XX secolo, gli inizi, la Balaenoptera musculus popolava quasi tutti gli oceani. La caccia spietata dei balenieri ne ha comportato quasi l’estinzione, è stata pertanto dichiarata specie protetta solamente nel 1966.
Un rapporto del 2002 evidenzia come al mondo vi sarebbero stati dai 5.000 ai 12.000 esemplari, ma attualmente rimangono solo popolazioni molto più piccole (di circa 2000 esemplari l’una), concentrate nel Pacifico nord-orientale e negli oceani Australe e Indiano.

Gli spiaggiamenti di Balenottera azzurra sono molto rari ma può capitare che in caso di problemi respiratori nuoti verso le acqua più basse finendo a riva e non riuscendo più a tornare in mare aperto.
Talvolta le Balenottere azzurre possono scontrarsi, talvolta con esiti fatali, con le navi che attraversano gli oceani o rimanere intrappolate nelle reti da pesca.

Anche il riscaldamento globale è responsabile dell’estinzione di questo animale.

Abitudini

Solitamente vivono in coppia o da sole, rimangono insieme per lunghi o brevi periodi, non si è capito in base a quali fattori.
Particolarità dell’animale più grande del mondo.

La balenottera azzurra emette dei vocalizzi, richiami ad una frequenza fondamentale di 10-40 Hz definiti “canti”. Le possibili cause di questi suoni possono essere: tenere a distanza altre balene, individuare specie simili, trasmettere informazioni, contatto fra maschi e femmine, localizzazione geografica e di fonti di cibo.