Maiale

MaialeIl maiale (Sus scrofa domesticus), chiamato anche suino o porco, appartiene alla famiglia dei suidae.

Il nome “maiale” deriva dal latino, con un significato ben preciso “porco castrato”.

Esso infatti viene spesso confuso con il cinghiale, appartenenti entrambi alla stessa famiglia, sono in grado di riprodursi anche insieme.

Presente in ogni fattoria, il maiale è uno degli animali più utilizzati per la macellazione.

Aspetto fisico

Si presenta con una struttura molto tozza, un muso (chiamato grugno) perennemente umido, e degli occhi molto piccoli posizionati ai lati della testa.

Il maiale si caratterizza per una vista assai scarsa, infatti, per compensare, ha un udito e un olfatto molto sviluppato.

Animali assai rumorosi, si caratterizzano anche per delle orecchie a punta, tendenti verso l’alto anche se alcune specie possiedono delle orecchie tendenti verso il basso.

Ha una coda sempre arricciata, a forma di cava tappi, sintomo di buona salute.

Anche il colore della pelle varia molte in base alle razze differenti: il maiale classico che noi conosciamo è rosa, ma può avere anche sfumature nere, o presentarsi con un colore più scuro a seconda dell’esemplare.

Le zampe sono corte ma forti, il maiale è famoso per riuscire a camminare solo su due dita anteriori nonostante ne possieda quattro.

Alimentazione

I maiali sono animali assai socievoli e facili da addomesticare, ma se lasciati in cattività e in libertà ritornano subito alle loro abitudini selvatiche.

Il maiale è un animale onnivoro, assai goloso è in grado di nutrirsi di qualsiasi cosa trovi davanti al suo musetto: barbabietole, patate, farina, mais e beve almeno dieci litri di acqua al giorno.

Questo per quanto riguarda il maiale negli allevamenti, ma quei pochi esemplari rimasti in cattività amano cibarsi, di ghiande, castagne, bacche selvatiche, fughi e anche uova di uccelli.

Riproduzione

La scrofa, la femmina del maiale, è in grado di partorire due volte all’anno, dando alla luce dagli 8 fino ai 10 maialini alla volta.

I piccoli appena nati solitamente hanno un colorito molto simile al maiale adulto, anche se esso può variare a seconda delle razze, alcuni si presentano con delle stirature simili ai cinghiali, che poi perderanno nella loro crescita.

Giunti ad una certa, i maschi vengono allontani dalle loro madri e allevati in un recinto separato. Se non castrati sono in grado di diventare molto aggressivi, a causa anche del loro piccolo spazio.

Abitudini

Il maiale viene sempre conosciuto come uno degli animali più sporchi, essendo perennemente nel fango a rotolarsi. Ma ciò che non sappiamo è che questo piccolo mammifero svolge tale azione principalmente per separarsi dai suoi parassiti o semplicemente per rinfrescarsi!

Inoltre i maiali sono animali molto rumorosi, tra di loro sono soliti comunicare con grida e grugniti continui.