Video: La Savana

201

Uno degli ambienti naturali più suggestivi e spettacolari del nostro pianeta

Si tratta di un bioma caratterizzato dalla presenza di una vegetazione tipicamente erbosa. Confina normalmente con ambienti quali la foresta pluviale, il deserto o la steppa. Presente in Africa centrale, Sudamerica, Indocina, Australia ed India, non di rado la savana si trova anche in altre latitudini.

Uno dei tratti caratterizzanti del clima delle savane subtropicali o tropicali è la scarsa presenza di precipitazioni. E’ la piovosità particolarmente ridotta a non consentire lo sviluppo di formazioni arboree degne di nota, gli alberi, quando compaiono, sono isolati e non troppo alti.

Sono solo le enormi distese erbose a riuscire a sopravvivere in queste condizioni climatiche. Man mano che ci si avvicina all’equatore le piogge aumentano e con esse gli alberi, che bloccando l’influsso dei raggi solari, riducono notevolmente la presenza delle specie erbacee, gradualmente così la savana si trasforma in foresta.

Le escursioni termiche, sia giornaliere che annuali, sono di notevole portata. Questo particolare clima determina la presenza di due stagioni ben definite, quella umida e quella secca.

Durante la stagione umida il clima è pressoché tropicale, mentre durante quella secca ci troviamo davanti ad un clima tipicamente desertico.

Sono proprio le distese erbose a consentire la vita di numerose specie erbivore, organizzate spesso in branchi e che si spostano in base alle stagioni, alla ricerca non solo di cibo ma anche di acqua. Non mancano nemmeno i carnivori, famosi per la propria agilità ed eleganza.

La savana ospita leoni, ghepardi, sciacalli, leopardi, licaoni e iene, ma anche elefanti, giraffe, zebre, gazzelle, antilopi e gnu.